Una lettera al sindaco Giuliano Piasapia e all’assessore Stefano Boeri

Una lettera al sindaco Giuliano Piasapia e all’assessore Stefano Boeri

“Se gli adulti dimenticano i bambini, dimenticano il loro stesso futuro, se li perdono, perdono il senso stesso della vita.” Buongiorno, questa lettera la scrivo a nome dei miei bambini: Riccardo, 4 anni e Martina 6, a cui devo una risposta. “Mamma, quando torniamo alla Casa . . .
 > leggi

App per bambini: Elastico e il Viaggio di Ulisse

App per bambini: Elastico e il Viaggio di Ulisse

Una brutta app svilisce un oggetto potenzialmente meraviglioso. Una app brutta o sciatta è un insulto al progresso, alla tecnologia e all’intelligenza, oltre che una truffa, un modo squallido per far soldi sfruttando il trend del momento. L’iPad è un meraviglioso contenitore ed esercita, . . .
 > leggi

Una mamma mai content. Memo per me e per le altre.

Una mamma mai content. Memo per me e per le altre.

Sono giorni (settimane, mesi?) difficili. Capita. Soprattutto a una mai contenta. La sensazione di non essere mai  abbastanza. Non abbasanza per i bambini, non abbastanza per il lavoro, non abbastanza per mio marito e, anche, non abbastanza per me. Il tempo che corre, le cose che fuggono e sfuggono. . . .
 > leggi

Little Bird

Little Bird

“I libri illustrati per bambini, almeno i migliori, hanno la qualità magica di parlare al cuore dei piccoli con semplicità espressiva, e allo stesso tempo di catturare i grandi con sottili riflessioni sulla condizione umana.” Maria Popova E’ queso il caso di  Little Bird di Germano . . .
 > leggi

Grandi Speranze. Grande Charles Dickens

Grandi Speranze. Grande Charles Dickens

Di Grandi Speranze ho un ricordo primordiale e maestoso. Non ricordo la trama, ricordo le emozioni, i personaggi e ovviamente più di tutti ricordo Pip. Pip ero io. Pip sono io. L’ho amato, ho letto per la prima volta in maniera compulsiva, totale. Ho desiderato che quel libro non finisse mai, . . .
 > leggi

Wislawa Szymborska, amore a prima vista

Wislawa Szymborska, amore a prima vista

Sono entrambi convinti che un sentimento improvviso li unì. E’ bella una tale certezza ma l’incertezza è più bella. Non conoscendosi prima, credono che non sia mai successo nulla fra loro. Ma che ne pensano le strade, le scale, i corridoi dove da tempo potevano incrociarsi? Vorrei chiedere . . .
 > leggi

Dialogo dei massimi sistemi

Dialogo dei massimi sistemi

“Ma sopra tutte le invenzioni stupende, qual eminenza di mente fu quella di colui che s’immaginò di trovar modo di comunicare i suoi più reconditi pensieri a qualsivoglia altra persona, benché distante per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo? Parlare con quelli che son nelle Indie, . . .
 > leggi

Il castello dei destini incrociati

Il castello dei destini incrociati

In mezzo a un fitto bosco, un castello dava rifugio a quanti la notte aveva sorpreso in viaggio: cavalieri e dame, cortei reali e semplici viandanti. Passai per un ponte levatoio sconnesso, smontai di sella in una corte buia, stallieri silenziosi presero in consegna il mio cavallo. Ero senza fiato; . . .
 > leggi

Un padre

Un padre

“Credo d’averlo già detto. Sono figlio di un fornaio. Prestino e commestibili. La parola “forno” vuol dire per me uno stanzone ingombro di sacchi, con un’impastatrice meccanica sulla sinistra e di fronte le mattonelle bianche del forno, lasua bocca che si apre e si chiude, . . .
 > leggi

Un marketing diverso

Un marketing diverso

Nel dicembre del 2008 mentre io partorivo il mio secondogenito, Gianluca Diegoli partoriva le sue ormai celebri 91 discutibili tesi per un marketing diverso. “Non è un manuale di business ma un generatore di dubbi sul marketing e la comunicazione aziendale ai tempi della conversazione globale . . .
 > leggi