Intervista immaginata a Cesare Pavese

Intervista immaginata a Cesare Pavese

Ora mi sembra lontanissimo, ma c’è stato un tempo in cui vivevo nei libri. Mi innamoravo di uno scrittore, leggevo tutto quello che riuscivo a trovare, vivevo intensamente quella storia d’amore e poi mi innamoravo di qualcun altro. Ho avuto molte storie, poi sono nati i miei figli. Quest’intervista . . .
 > leggi

Scrivere vivendo. Raymond Carver

Scrivere vivendo. Raymond Carver

Scrivere vivendo “Inevitabilmente, visto che la vita è quello che è, ci sono anche stati grossi pezzi della mia vita che sono semplicemente spariti, lunghi periodi in cui non ho scritto narrativa. (Quanto vorrei poter recuperare quegli anni ora!) A volte passavano uno o due anni in cui non . . .
 > leggi

Sono nata il 21 a primavera

Sono nata il ventuno a primavera ma non sapevo che nascere folle, aprire le zolle potesse scatenar tempesta. Così Proserpina lieve vede piovere sulle erbe, sui grossi frumenti gentili e piange sempre la sera. Forse è la sua preghiera. Alda Merini
 > leggi

Si leverà come un frullo

Dove mi ero rintanata, dove mi ero cacciata – niente male come scherzetto perdermi di vista così. Scuoto la mia memoria – Forse tra i suoi rami qualcosa addormentato da anni Si leverà con un frullo. Wislawa Szymborska
 > leggi

Mai contenti

Mai contenti

Tutti abbiamo dei maestri. A volte abbiamo la fortuna di riconoscerli subito e persino di incontrarli davvero.    Altre volte li scopriamo molto tardi, per caso, quando non siamo più in tempo per ringraziarli. E quando finalmente li troviamo, si incastrano come dei pezzi mancati nel puzzle della . . .
 > leggi